17
Set
2013

RSPP Antincendio Pronto Soccorso Principali RLS Interno RLS Territoriale

Di Gianluca Gaggioli pubblicato martedì 17 settembre 2013 in Sicurezza |

Is it Safe?

RSPP Antincendio Pronto Soccorso Principali RLS Interno RLS Territoriale

Adempimenti sulla sicurezza previsti dal D.Lgs.

RSPP

Attestato di formazione del RSPP  del consulente esterno o del dipendente interno

Attestato di formazione del RSPP  datore di lavoro

Dlgs.81/2008 Art.32 Accordo Stato/Regioni  Su formazione dei lavoratori del 23.12.2011

Formazione di base di ore 16,32, 48 a seconda dei livelli di rischio basso,medio,alto Aggiornamento di 6,10,14 a seconda dei livelli di rischio basso, medio, alto

Titolo di studio di scuola superiore(5anni) Formazione  modulare A di 28 ore, B a seconda del settore di appartenenza da 12 a 68 ore, C di 24 ore. Aggiornamento quinquennale dalla data dell’ultimo modulo formativo frequentato. 60 o 40 ore a seconda del macrosettore di appartenenza

Art. 31 – Servizio di prevenzione e protezione

1. Salvo quanto previsto dall’articolo 34, il datore di lavoro organizza il servizio di prevenzione e protezione all’interno della azienda o della unita produttiva, o incarica persone o servizi esterni costituiti anche presso le associazioni dei datori di lavoro o gli organismi paritetici, secondo le regole di cui al presente articolo. 2. Gli addetti e i responsabili dei servizi, interni o esterni, di cui al comma 1, devono possedere le capacita e i requisiti professionali di cui all’art. 32, devono essere in numero sufficiente rispetto alle caratteristiche

dell’azienda e disporre di mezzi e di tempo adeguati per lo svolgimento dei compiti loro assegnati. Essi non possono subire pregiudizio a causa della attività svolta nell’espletamento del proprio incarico. 3. Nell’ipotesi di utilizzo di un servizio interno, il datore di lavoro puo avvalersi di persone esterne alla azienda in possesso delle conoscenze professionali necessarie, per integrare, ove occorra, l’azione di prevenzione e protezione del servizio. 4. Il ricorso a persone o servizi esterni e obbligatorio in assenza di dipendenti che, all’interno dell’azienda ovvero dell’unita produttiva, siano in possesso dei requisiti di cui all’articolo 32. 5. Ove il datore di lavoro ricorra a persone o servizi esterni non e per questo esonerato dalla propria responsabilita in materia. 6. L’istituzione del servizio di prevenzione e protezione all’interno dell’azienda, ovvero dell’unita produttiva, e comunque obbligatoria nei seguenti casi: a) nelle aziende industriali di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, e successive modificazioni, soggette all’obbligo di notifica o rapporto, ai sensi degli articoli 6 e 8 del medesimo decreto; PRINCIPI COMUNI 29

b) nelle centrali termoelettriche; c) negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, e successive modificazioni; d) nelle aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni; e) nelle aziende industriali con oltre 200 lavoratori; f) nelle industrie estrattive con oltre 50 lavoratori; g) nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori. 7. Nelle ipotesi di cui al comma 6 il responsabile del servizio di prevenzione e protezione deve essere interno. 8. Nei casi di aziende con piu unita produttive nonche nei casi di gruppi di imprese, puo essere istituito un unico servizio di prevenzione e protezione. I datori di lavoro possono rivolgersi a tale struttura per l’istituzione del servizio e per la designazione degli addetti e del responsabile.

Antincendio

Nomina addetto/i gestione emergenze anche in base ai turni

Nomina addetto/i gestione emergenze anche in base ai turni

Formazione di 4.8,16 ore a seconda del livello di rischio basso, medio, alto. Aggiornamento non ancora previsto con decreto.

Pronto soccorso

Attestato formazione

D.M. 15.07.2003 n.388

Formazione di 12 o 16 ore a seconda del livello di rischio. Ogni 3 anni corso di aggiornamento di 4 o 6 ore.

RLS interno

Verbale di elezione RLS

Verbale di elezione RLS

Formazione di 32 ore.

Aggiornamento annuale di 4(fino a 50 dipendenti) o 8 ore(oltre 50 dipendenti)

Articolo 37 – Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti 1. Il datore di lavoro assicura che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata inmateria di salute e sicurezza, anche rispetto alle conoscenze linguistiche, con particolare riferimento a:a) concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti e doveri dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo, assistenza; b) rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell’azienda. 2. La durata, i contenuti minimi e le modalita della formazione di cui al comma 1 sono definiti mediante accordo in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano adottato, previa consultazione delle parti sociali, entro il termine di dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo. 3. Il datore di lavoro assicura, altresi, che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata in merito ai rischi specifici di cui ai Titoli del presente decreto successivi al I. Ferme restando  le disposizioni gia in vigore in materia, la formazione di cui al periodo che precede e definita mediante  l’accordo di cui al comma 2.  4. La formazione e, ove previsto, l’addestramento specifico devono avvenire in occasione:  a) della costituzione del rapporto di lavoro o dell’inizio dell’utilizzazione qualora si tratti di somministrazione  di lavoro;  b) del trasferimento o cambiamento di mansioni;  c) della introduzione di nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati  pericolosi. PRINCIPI COMUNI 33 5. L’addestramento viene effettuato da persona esperta e sul luogo di lavoro. 6. La formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti deve essere periodicamente ripetuta in relazione  all’evoluzione dei rischi o all’insorgenza di nuovi rischi.  7. I preposti ricevono a cura del datore di lavoro e in azienda, un’adeguata e specifica formazione e  un aggiornamento periodico in relazione ai propri compiti in materia di salute e sicurezza del lavoro.  I contenuti della formazione di cui al presente comma comprendono:  a) principali soggetti coinvolti e i relativi obblighi;  b) definizione e individuazione dei fattori di rischio;  c) valutazione dei rischi ;  d) individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione.  8. I soggetti di cui all’art. 21, comma 1, possono avvalersi dei percorsi formativi appositamente definiti,  tramite l’accordo di cui al comma 2, in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato,  le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano.  9. I lavoratori incaricati dell’attivita di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi  di lavoro in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di  gestione dell’emergenza devono ricevere un’adeguata e specifica formazione e un aggiornamento  periodico; in attesa dell’emanazione delle disposizioni di cui al comma 3 dell’articolo 46, continuano a  trovare applicazione le disposizioni di cui al decreto del Ministro dell’interno in data 10 marzo 1998,  pubblicato nel S. O. alla Gazzetta Ufficiale n. 81 del 7 aprile 1998, attuativo dell’art. 13 del decreto  legislativo 19.9.1994, n. 626.  10. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ha diritto ad una formazione particolare in materia  di salute e sicurezza concernente i rischi specifici esistenti negli ambiti in cui esercita la propria    appresentanza, tale da assicurargli adeguate competenze sulle principali tecniche di controllo e  prevenzione dei rischi stessi.  11. Le modalità, la durata e i contenuti specifici della formazione del rappresentante dei lavoratori  per la sicurezza sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva nazionale, nel rispetto dei seguenti  contenuti minimi: a) principi giuridici comunitari e nazionali; b) legislazione generale e speciale in materia  di salute e sicurezza sul lavoro; c) principali soggetti coinvolti e i relativi obblighi; d) definizione  e individuazione dei fattori di rischio; e) valutazione dei rischi; f) individuazione delle misure tecniche, rganizzative e procedurali di prevenzione e protezione; g) aspetti normativi dell’attivita di  rappresentanza dei lavoratori; h) nozioni di tecnica della comunicazione. La durata minima dei  corsi e di 32 ore iniziali, di cui 12 sui rischi specifici presenti in azienda e le conseguenti misure di  prevenzione e protezione adottate, con verifica di apprendimento. La contrattazione collettiva nazionale  disciplina le modalita dell’obbligo di aggiornamento periodico, la cui durata non puo essere  inferiore a 4 ore annue per le imprese che occupano dai 15 ai 50 lavoratori e a 8 ore annue per  le imprese che occupano più di 50 lavoratori.  12. La formazione dei lavoratori e quella dei loro rappresentanti deve avvenire, in collaborazione con  gli organismi paritetici di cui all’articolo 50 ove presenti, durante l’orario di lavoro e non puo comportare  oneri economici a carico dei lavoratori.  13. Il contenuto della formazione deve essere facilmente comprensibile per i lavoratori e deve consentire  loro di acquisire le conoscenze e competenze necessarie in materia di salute e sicurezza sul lavoro.  Ove la formazione riguardi lavoratori immigrati, essa avviene previa verifica della comprensione  e conoscenza della lingua veicolare utilizzata nel percorso formativo.  14. Le competenze acquisite a seguito dello svolgimento delle attività di formazione di cui al presente  decreto sono registrate nel libretto formativo del cittadino di cui all’art. 2, comma 1, lettera i), del  decreto legislativo 10.9.2003, n. 276, e successive modificazioni. Il contenuto del libretto formativo  e considerato dal datore di lavoro ai fini della programmazione della formazione e di esso gli organi  di vigilanza tengono conto ai fini della verifica degli obblighi di cui al presente decreto.

RLS territoriale

Verbale scritto

Dlgs 81/2008 Art.47

Possibilità di scelta per le aziende con meno di 15 dipendenti

Art. 47 – Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

1. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e istituito a livello territoriale o di comparto, aziendale

e di sito produttivo. L’elezione dei rappresentanti per la sicurezza avviene secondo le modalita

di cui al comma 6.

2. In tutte le aziende, o unita produttive, e eletto o designato il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.  3. Nelle aziende o unita produttive che occupano fino a 15 lavoratori il rappresentante dei lavoratori per  la sicurezza e di  orma eletto direttamente dai lavoratori al loro interno oppure e individuato per più  aziende nell’ambito territoriale o del comparto produttivo secondo quanto previsto dall’art. 48.  4. Nelle aziende o unita produttive con più di 15 lavoratori il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza  e eletto o designato dai lavoratori nell’ambito delle rappresentanze sindacali in azienda. In assenza  di tali rappresentanze, il rappresentante e eletto dai lavoratori della azienda al loro interno.  5. Il numero, le modalità di designazione o di elezione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza,  nonché il tempo di lavoro retribuito e gli strumenti per l’espletamento delle funzioni sono stabiliti in  sede di contrattazione collettiva.  6. L’elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza aziendali, territoriali o di comparto,  salvo diverse determinazioni in sede di contrattazione collettiva, avviene di norma in corrispondenza  della giornata nazionale per la salute e sicurezza sul lavoro, individuata, nell’ambito della settimana  europea per la salute e sicurezza sul lavoro, con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza  sociale di concerto con il Ministro della salute, sentite le confederazioni sindacali dei datori di lavoro e  dei lavoratori comparativamente piu rappresentative sul piano nazionale. Con il medesimo decreto sono  disciplinate le modalità di attuazione del presente comma.  7. In ogni caso il numero minimo dei rappresentanti di cui al comma 2 e il seguente:  a) un rappresentante nelle aziende  vvero unita produttive sino a 200 lavoratori;  b) tre rappresentanti nelle aziende ovvero unita produttive da 201 a 1.000 lavoratori;  c) sei rappresentanti in tutte le altre aziende o unita produttive oltre i 1.000 lavoratori. In tali aziende  il numero dei rappresentanti e aumentato nella misura individuata dagli accordi interconfederali  o dalla contrattazione collettiva.  8. Qualora non si proceda alle elezioni previste dai commi 3 e 4, le funzioni di rappresentante dei lavoratori  per la sicurezza sono esercitate dai rappresentanti di cui agli artt. 48 e 49, salvo diverse intese  tra le associazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro comparativamente piu rappresentative  sul piano nazionale.

L'autore: Gianluca Gaggioli

Gianluca Gaggioli: coniugato, con tre figli tutti nati a breve distanza, non si sa come trovi anche il tempo di "dilettarsi" sulle tematiche di qualità e management. Rail Strategist - Rail Fire Fighting - da oltre quindici anni lavora nel ambito ferroviario e medicale nel ruolo di "Assicurazione Qualità e dei Sistemi per la Gestione della Qualità". Competenze specifiche: Gestione della Qualità Secondo le Normative EN ISO 9001, EN ISO 14001, BS 18001, COCS 30.5/DT Trenitalia, Schemes Entities in Charge of Maintenance (ECM), ISO 31000, SGSL, OT24, MOG, EN ISO 13485, IRIS (International Railway Industry Standard), Six Sigma, Kaizen, Auditor Sistemi Qualità Certificato 19011 1a / 2a Parte (Audit interni e fornitori) e Abilitazione Formatore RSPP ASPP, dal 2008 attività di consulenza aziendale in materia di Sicurezza sul Lavoro; DVR, POS, DUVRI, Progettazione piani per la sicurezza (organizzazione e gestione corsi lavoratori); da Giugno 2011 Editor in Chief di Organizzazione Qualità. .

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
photo by: jurvetson
Questo articolo è stato pubblicato martedì 17 settembre 2013 da Gianluca Gaggioli il martedì, settembre 17, 2013 alle 06:33 ed appartiene alla categoria Sicurezza. Puoi seguire i commenti a questo articolo attraverso i feed RSS 2.0. Lascia un commento!

 

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Vai su »