20
Dic
2011

Quando il Futuro è Possibilità – Immaginazione E/E’ Visione Aziendale

Di Gianluca Gaggioli pubblicato martedì 20 dicembre 2011 in Risorse infrastruttura e ambiente |

Avila Pier
Creative Commons License photo credit: colinpoe

Solitamente per valutare un azienda si usano i parametri certamente  misurabili come efficienza e produttività, limitando il ragionamento alla sfera del “sistematico” e “metodico”.

 

Ma quale visione dietro l’immaginazione di un capitano d’azienda, Einstein diceva che “ la logica porta da A a B ma l’immaginazione conduce ovunque”,  il fatto di riuscire a “vedere” nuove possibilità d’impresa e soluzioni innovative questa è immaginazione.

 

Certamente dallo scambio tra realtà ed immaginazione nasce la Cre-Attività, “l’ importanza di avviare un nuovo progetto l’immaginare immensi scenari per il futuro”  Umberto Galimberti.

 

L’immaginazione caratterizza chi vuole evolvere, l’organizzazione che è alla ricerca del Nuovo con la “N” maiuscola, spaziando dal “semplice” servizio si pensi alla pizza a domicilio, fino ad arrivare al più tecnologico dei prodotti, si pensi ai “Superconduttori”.

 

La “fortunata previsione” Hamel e Prahalard parlano di  prodotto di Casualità e chiara Visione, “La conclusione si imponeva: alcune équipes di direzione davano semplicemente prova di maggiore chiaroveggenza che altre. Alcune riuscivano ad immaginare prodotti, servizi e settori d’attività interi che non esistevano ancora, e ad accelerarne la nascita. Manifestamente, quelle équipes perdevano poco tempo nel preoccuparsi del posizionamento della loro ditta negli spazi concorrenziali esistenti, poiché avevano già cominciato a crearne dei nuovi. Le altre società ¾ le ritardatarie ¾ si

preoccupavano maggiormente della conservazione del passato che della conquista del futuro“ .

 

Le aziende che evolvono sono quelle che  puntano sull’innovazione e non sul mantenimento della loro posizione consolidata dal tempo, immaginare il futuro sconvolgendo  l’oggi.

 

Possiamo definire allora l’immaginazione come “previsione strategica”, “illuminante impegno volto al futuro” Berger.

 

Come ben diceva Maurice Allais “ non vi saranno mai dei modelli perfetti, ma soltanto modelli approssimativi” ed aggiunge “ tra più modelli, il migliore sarà sempre quello che per approssimazione data sarà quello che rappresenterà nella maniera più semplice i dati dell’osservazione”.

 

A rafforzare l’idea di innovazione ci tende nuovamente una mano Einstein quando dice: “il mondo di oggi ha dei problemi che non possono essere risolti ragionando nello stesso modo di quando gli abbiamo creati”, quindi diffidiamo sempre delle idee “ dalla tirannia dominante” Maurice Allais.

 

Nelle Organizzazioni moderne bisogna far si che gli “innovatori” non vengano messi alla gogna come dei novelli rivoluzionari, bisogna far si che nelle aziende emergano persone capaci di rompere il “silenzio organizzativo” Morrison Milliken, Il saper evolvere l’organizzazione da ciò che ovvio, scontato, già esistente a una nuova luce, l’Innovazione, passare dall’ombra alla luce, il nuovo illuminismo, una nuova e perenne rivoluzione industriale, “uccidendo” il perenne  conformismo che domina le realtà organizzate.

 

L’immaginazione diventa il motore che apre nuove vie all’innovazione, “l’immaginazione è più importante della conoscenza” Einstein, il porsi con occhi diversi, il vedere ciò che ci circonda da una “finestra” diversa, che si apre sul mondo anch’esso diverso e che cambia anche grazie a noi stessi: Diventare noi stessi il motore dell’innovazione.

“Quando si costruisce una visione si parte dalla base della esperienza di ciascuno, per proiettarsi con la intelletto, l’immaginazione e il cuore in qualcosa che non esiste ancora. Per questo motivo, se elaboriamo una visione sempre più ampia ed sviluppata questo processo si trasformerà in qualcosa di aperto, un nucleo che ci spinge a crescere e avanzare”.

 

Già Kant considerava: “l’immaginazione uno strumento fondamentale per la percezione del presente, e proprio grazie a questa visione che è possibile trasformare l’esperienza, il mondo del reale votata alla suo mutevolezza al suo cambiamento”.

 

Il non “lasciarsi rinchiudere entro cornici, ………., tutto può sempre essere rimesso in discussione” Bourbon-Busset.

 

Concludendo riportando alcune frasi celebri sulla capacità di sognare:

 

Friedrich Nietzsche: “Nei processi del sogno l’uomo si esercita alla vita vera”

 

Walt Disney: “Se lo sogni allora lo puoi fare”

 

Paulo Coehlo: “Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni”

 

Albert Einstein: “L’immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata, l’immaginazione abbraccia il mondo”

 

Victor Hugo: “Non c’è niente come il sogno per creare il futuro”

L'autore: Gianluca Gaggioli

Gianluca Gaggioli: coniugato, con tre figli tutti nati a breve distanza, non si sa come trovi anche il tempo di "dilettarsi" sulle tematiche di qualità e management. Rail Strategist - Rail Fire Fighting - da oltre quindici anni lavora nel ambito ferroviario e medicale nel ruolo di "Assicurazione Qualità e dei Sistemi per la Gestione della Qualità". Competenze specifiche: Gestione della Qualità Secondo le Normative EN ISO 9001, EN ISO 14001, BS 18001, COCS 30.5/DT Trenitalia, Schemes Entities in Charge of Maintenance (ECM), ISO 31000, SGSL, OT24, MOG, EN ISO 13485, IRIS (International Railway Industry Standard), Six Sigma, Kaizen, Auditor Sistemi Qualità Certificato 19011 1a / 2a Parte (Audit interni e fornitori) e Abilitazione Formatore RSPP ASPP, dal 2008 attività di consulenza aziendale in materia di Sicurezza sul Lavoro; DVR, POS, DUVRI, Progettazione piani per la sicurezza (organizzazione e gestione corsi lavoratori); da Giugno 2011 Editor in Chief di Organizzazione Qualità. .

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo articolo è stato pubblicato martedì 20 dicembre 2011 da Gianluca Gaggioli il martedì, dicembre 20, 2011 alle 07:30 ed appartiene alla categoria Risorse infrastruttura e ambiente. Puoi seguire i commenti a questo articolo attraverso i feed RSS 2.0. Lascia un commento!

 

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Vai su »