6
Lug
2011

I PROCESSI SPECIALI

Navy Diver 2nd Class Ryan Arnold welds a patch onto an underwater structure.
Creative Commons License photo credit: Official U.S. Navy Imagery

La crescente richiesta da parte del mercato di standard qualitativi sempre più esigenti, obbliga le imprese a garantire una qualità dei propri prodotti tendente all’eccellenza.

Per fare questo è necessario che tutte le fasi del ciclo produttivo siano correttamente  eseguite, monitorate e controllate.

Alcune di queste fasi riguardano attività specifiche come ad esempio, la giunzione di materiali che può avvenire mediante adesivi, mediante saldatura, mediante rivettatura o la finitura superficiale, come la verniciatura.

 

Queste fasi specifiche, vengono definite “processi speciali”, poiché non è possibile effettuare verifiche o controlli, se non al termine della fase stessa, impiegando per lo scopo prove dedicate, spesso distruttive.

 

Per poter monitorare questi  “processi speciali” è assolutamente necessario eseguire una loro  “validazione”, che, unita ad apposite competenze delle risorse coinvolte, anch’esse “qualificate, permettono il conseguimento dei risultati attesi e la riproducibilità del processo stesso.

 

La validazione dei processi, avviene in vari step:

  • Definizione del processo;
    – analisi dei materiali impiegati nel processo;
    – fattori intrinseci di condizionamento dei risultati;
    – limiti di efficacia di prove e collaudi;
    – analisi e conseguenze dei difetti;
  • Redazione di appositi piani di qualifica in coerenza a procedure o normative;
    – definizione dei metodi di prova per accertare l’efficacia dei processi eseguiti;
  • Formazione e qualifica delle risorse impiegate nel processo;
  • Esecuzione delle prove di qualifica presso un ente di terza parte.

 

Si indicano di seguito alcuni “processi speciali” per le quali è consigliabile la qualifica e validazione secondo apposite normative standardizzate.

 

  • Processo di Incollaggio, qualifica in coerenza alla DIN 6701;
  • Processo di Saldatura, qualifica in coerenza alla UNI EN 15085;
  • Processo di Rivettatura, qualifica  in coerenza a capitolati specifici;
  • Processo  di Verniciatura, qualifica in coerenza a Capitolati specifici o direttiva Qualicoat.

Umberto Bartolini

“Organizzazione-Qualita.com”

L'autore: Gianluca Gaggioli

Gianluca Gaggioli: coniugato, con tre figli tutti nati a breve distanza, non si sa come trovi anche il tempo di "dilettarsi" sulle tematiche di qualità e management. Rail Strategist - Rail Fire Fighting - da oltre quindici anni lavora nel ambito ferroviario e medicale nel ruolo di "Assicurazione Qualità e dei Sistemi per la Gestione della Qualità". Competenze specifiche: Gestione della Qualità Secondo le Normative EN ISO 9001, EN ISO 14001, BS 18001, COCS 30.5/DT Trenitalia, Schemes Entities in Charge of Maintenance (ECM), ISO 31000, SGSL, OT24, MOG, EN ISO 13485, IRIS (International Railway Industry Standard), Six Sigma, Kaizen, Auditor Sistemi Qualità Certificato 19011 1a / 2a Parte (Audit interni e fornitori) e Abilitazione Formatore RSPP ASPP, dal 2008 attività di consulenza aziendale in materia di Sicurezza sul Lavoro; DVR, POS, DUVRI, Progettazione piani per la sicurezza (organizzazione e gestione corsi lavoratori); da Giugno 2011 Editor in Chief di Organizzazione Qualità. .

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo articolo è stato pubblicato mercoledì 6 luglio 2011 da Gianluca Gaggioli il mercoledì, luglio 6, 2011 alle 06:00 ed appartiene alla categoria Breaking News Ultim'ora, Prodotto pianificazione e progetti. Puoi seguire i commenti a questo articolo attraverso i feed RSS 2.0. Lascia un commento!

 

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Vai su »