4
Giu
2013

ANSALDOBREDA: Respingiamo ogni accusa sulla vicenda Fyra. Comunicato Stampa

Di Gianluca Gaggioli pubblicato martedì 4 giugno 2013 in Breaking News Ultim'ora |
Deurne 13 Augustus 2009 | Fyra V250 4806Nessuna motivazione tecnica alla base di quanto dichiarato dai clienti.

AnsaldoBreda chiederà i danni. Giovedì conferenza stampa a Napoli

AnsaldoBreda respinge con fermezza ogni accusa rivoltale sulla vicenda relativa all’esecuzione del contratto con il cliente belga NMBS inerente la fornitura dei tre treni ad alta velocità denominati Fyra.Le affermazioni rilasciate dal CEO di NMBS e quelle contenute nel comunicato stampa di NS sono in aperta contraddizione tra di loro.

Il pubblico deve sapere che il treno è sicuro e come tale è stato certificato e verificato da enti internazionali preposti. Il progetto è stato considerato “acceptable” anche da NS nella lettera del 3 giugno al Segretario di Stato delle infrastrutture ed al Ministro delle Finanze.

Il V250 (Fyra) ha infatti ottenuto tutte le certificazioni internazionali per la messa in esercizio superando severi test. L’autorizzazione alla messa in servizio è stata rilasciata essendo il treno pienamente in conformità all’art. 26 della Direttiva 2008/57/CE secondo gli assessment e le certificazioni ottenute da soggetti terzi (Lloyds Register, Belgorail e le Agenzie per la Sicurezza Ferroviaria Olandese e Belga) .

L’inconveniente di gennaio – avvenuto in occasione di una abbondante nevicata –  che non ha comunque avuto nessuna conseguenza su persone o cose,  è stato causato dall’eccessiva velocità a cui si è condotto il treno (250 km/h), manovra incauta e irresponsabile, che è stata eseguita più volte nonostante l’intervento automatico dei sistemi di bordo che hanno attivato ripetutamente la frenatura d’emergenza, ed in assoluta inosservanza di quanto prescritto dalla specifica stessa del cliente che correttamente limita la velocità massima del treno in caso di forte innevamento, come nel giorno dell’accaduto e come successo – nello stesso giorno – sui treni di altri operatori.

Il disservizio è stato solamente il pretesto per bloccare la fornitura, soprattutto da parte dell’operatore belga. Le reali motivazioni che hanno portato alla richiesta di cancellazione del contratto da parte di NMBS e alla presa di posizione di NS hanno alla base fondamenta non tecniche, ma di altra natura.

AnsaldoBreda è uno dei più importanti operatori nella costruzione di materiale rotabile, e vanta più di venticinque anni di esperienza nel segmento dell’alta velocità, sia in termini di sicurezza che di affidabilità e quindi possiede tutti le competenze allo stato dell’arte della tecnologia ferroviaria. Nel mondo, da anni, circolano ogni giorno centinaia di prodotti AB in sicurezza.

http://www.ansaldobreda.it/pressandmediadetail/detcomunicati.aspx?id=1762

L'autore: Gianluca Gaggioli

Gianluca Gaggioli: coniugato, con tre figli tutti nati a breve distanza, non si sa come trovi anche il tempo di "dilettarsi" sulle tematiche di qualità e management. Rail Strategist - Rail Fire Fighting - da oltre quindici anni lavora nel ambito ferroviario e medicale nel ruolo di "Assicurazione Qualità e dei Sistemi per la Gestione della Qualità". Competenze specifiche: Gestione della Qualità Secondo le Normative EN ISO 9001, EN ISO 14001, BS 18001, COCS 30.5/DT Trenitalia, Schemes Entities in Charge of Maintenance (ECM), ISO 31000, SGSL, OT24, MOG, EN ISO 13485, IRIS (International Railway Industry Standard), Six Sigma, Kaizen, Auditor Sistemi Qualità Certificato 19011 1a / 2a Parte (Audit interni e fornitori) e Abilitazione Formatore RSPP ASPP, dal 2008 attività di consulenza aziendale in materia di Sicurezza sul Lavoro; DVR, POS, DUVRI, Progettazione piani per la sicurezza (organizzazione e gestione corsi lavoratori); da Giugno 2011 Editor in Chief di Organizzazione Qualità. .

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo articolo è stato pubblicato martedì 4 giugno 2013 da Gianluca Gaggioli il martedì, giugno 4, 2013 alle 21:40 ed appartiene alla categoria Breaking News Ultim'ora. Puoi seguire i commenti a questo articolo attraverso i feed RSS 2.0. Lascia un commento!

 

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Vai su »