11
Giu
2013

Organizzazioni concorrenti e mercati da sviluppare

Di Gianluca Gaggioli pubblicato martedì 11 giugno 2013 in Misurazione analisi e miglioramento |

Hurdles (Scenes from a Track Meet)

Il vostro primo compito è identificare i concorrenti commerciali – naturalmente si inizierà con un elenco dei primi 5 “rivali” diretti, che sono la vostra concorrenza primaria  e dopo prendete in considerazione i vostri concorrenti anche  indiretti. Generalmente i diretti concorrenti offrono prodotti e servizi simili al vostro target di mercato e competono direttamente con voi nel mercato.

D’altra parte invece  i concorrenti indiretti non possono competere direttamente con la vostra attività, ma offrire prodotti e servizi sostitutivi alla stessa fascia di pubblico

Con l’analisi dei vostri concorrenti e la loro crescita si può capire molto di loro, modo di fare business, la loro strategia e gli obiettivi.

La tendenza che hanno intrapreso può far evincere, se sia una tendenza positiva o negativa il futuro prossimo di come si stia orientando il mercato.

È necessario concentrarsi per  individuare carenze e punti di forza dei vostri concorrenti e capire qual è la strategia migliore per l’organizzazione al fine di poter emergere sul mercato.

Posizionare al meglio nel mercato per il raggiungimento degli scopi di business dell’organizzazione , al fine di essere più competitivi.

Si possono trarre incredibili profitti sulle debolezze dei concorrenti e evitare di competere direttamente con i concorrenti sui loro punti di forza.

Ma come imparare di più sulla tua attività concorrenti?

Interviste: Si può imparare di più su i concorrenti attraverso interviste con i dipendenti e clienti. Le interviste sono molto di successo quando si tratta di identificare i vostri concorrenti.

Sondaggi: Si possono utilizzare indagini, se si desidera raccogliere informazioni da molte persone – ancora  una volta si desidera esaminare sia i clienti che i dipendenti. I dipendenti che lavorano direttamente con i  clienti e dipendenti che lavorano direttamente con i fornitori sono molto importanti.

Ex dipendenti: Molte organizzazioni assumono ex dipendenti che hanno lavorato per i loro concorrenti. Si possono avere  informazioni più specifiche dei  concorrenti

Informazione pubblica: Usare informazioni pubbliche e ricerche di settore e statistiche per conoscere meglio i vostri concorrenti.

Una volta raccolte  tutte le informazioni, si avvia l’analisi competitiva. Classificare i concorrenti sulla base di ciò che è più importante per la vostra strategia di business e identificare le loro tendenze e strategie.

Concentrarsi sull’individuazione delle  migliore strategia di business e su  come evitare alcuni concorrenti e come competere direttamente con altri rivali.

L'autore: Gianluca Gaggioli

Gianluca Gaggioli: coniugato, con tre figli tutti nati a breve distanza, non si sa come trovi anche il tempo di "dilettarsi" sulle tematiche di qualità e management. Rail Strategist - Rail Fire Fighting - da oltre quindici anni lavora nel ambito ferroviario e medicale nel ruolo di "Assicurazione Qualità e dei Sistemi per la Gestione della Qualità". Competenze specifiche: Gestione della Qualità Secondo le Normative EN ISO 9001, EN ISO 14001, BS 18001, COCS 30.5/DT Trenitalia, Schemes Entities in Charge of Maintenance (ECM), ISO 31000, SGSL, OT24, MOG, EN ISO 13485, IRIS (International Railway Industry Standard), Six Sigma, Kaizen, Auditor Sistemi Qualità Certificato 19011 1a / 2a Parte (Audit interni e fornitori) e Abilitazione Formatore RSPP ASPP, dal 2008 attività di consulenza aziendale in materia di Sicurezza sul Lavoro; DVR, POS, DUVRI, Progettazione piani per la sicurezza (organizzazione e gestione corsi lavoratori); da Giugno 2011 Editor in Chief di Organizzazione Qualità. .

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
photo by: Phil Roeder
Questo articolo è stato pubblicato martedì 11 giugno 2013 da Gianluca Gaggioli il martedì, giugno 11, 2013 alle 08:47 ed appartiene alla categoria Misurazione analisi e miglioramento. Puoi seguire i commenti a questo articolo attraverso i feed RSS 2.0. Lascia un commento!

 

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Vai su »