29
Mag
2012

Linee guida per i calibri a forchetta UNI 10699-3

La norma si riferisce all’utilizzo dei calibri a forchetta “passa non passa lisci” allo scopo di verificare la loro idoneità all’esecuzione di controlli e verifiche su pezzi; tale norma e sviluppata secondo i riferimenti normativi della UNI 10699-1 (caratteristiche generali).

Altri riferimenti  normativi:

UNI 5870 Strumenti di misura – Calibri e riscontri per filettature metriche ISO

– Principi fondamentali

UNI 7366-1 Sistema ISO di tolleranze ed accoppiamenti – Verifica dei pezzi

lisci – Direttive generali

UNI 7366-2 Sistema ISO di tolleranze ed accoppiamenti – Verifica dei pezzi

lisci – Principi fondamentali per calibri e riscontri

UNI 7366-3 Sistema ISO di tolleranze ed accoppiamenti – Verifica dei pezzi

lisci – Tolleranze di fabbricazione e logoramenti ammessi per

calibri e riscontri

UNI 7366-4 Sistema ISO di tolleranze ed accoppiamenti – Verifica dei pezzi lisci

– Segni distintivi, indicazioni e loro posizione su calibri e riscontri

UNI 10699-1 Istruzioni per il controllo delle apparecchiature per misurazioni

dimensionali – Linee guida generali

 

Al punto 3 “istruzioni” vengono riportate  le descrizioni delle istruzioni da applicarsi:

3.1 consegna: devono essere identificati, tipologia equantità  degli accessori e devono essere conformi a quanto riportato nell’ordine inviato al fornitore

3.2 Verifica preliminare e preparazione: pulizia, verifica di eventuali danneggiamenti, spigoli taglienti, sbavature o qualsiasi alta tipologia di difetto, in tal caso si deve dove possibile cercare di provvedere all’eliminazione della difettosità………..verifica di eventuali contrassegni idendificativi…………..

3.3 Controlli i visivi e codici colori, verifica della durezza della superficie. controllo della rugosità della area secondo quanto previsto dalla UNI 7366-3, verifica delle dimensioni nel punto centrale ed negli angoli.

3.4 Valutazione e decisione finale: se le misurazioni rientreranno tra i valori indicati dalla norma il calibro potrà essere ritenuto idonea per l’effettuazione di misurazioni.

I risultati della conformità del calibro potranno essere: Idoneo, declassato, in riferimento a specifiche inderne eventualmente applicabili, da riparare, rottamare.

3.5 Registrazione: Le registrazioni delle varie prove potranno essere conservate su report da archiviare in uno specifico schedario, o su supporti informatici in genere.

3.6 Conservazione dello strumento di misura: si rimanda a quanto espressamente prescritto dal costruttore.

L'autore: Gianluca Gaggioli

Gianluca Gaggioli: coniugato, con tre figli tutti nati a breve distanza, non si sa come trovi anche il tempo di "dilettarsi" sulle tematiche di qualità e management. Rail Strategist - Rail Fire Fighting - da oltre quindici anni lavora nel ambito ferroviario e medicale nel ruolo di "Assicurazione Qualità e dei Sistemi per la Gestione della Qualità". Competenze specifiche: Gestione della Qualità Secondo le Normative EN ISO 9001, EN ISO 14001, BS 18001, COCS 30.5/DT Trenitalia, Schemes Entities in Charge of Maintenance (ECM), ISO 31000, SGSL, OT24, MOG, EN ISO 13485, IRIS (International Railway Industry Standard), Six Sigma, Kaizen, Auditor Sistemi Qualità Certificato 19011 1a / 2a Parte (Audit interni e fornitori) e Abilitazione Formatore RSPP ASPP, dal 2008 attività di consulenza aziendale in materia di Sicurezza sul Lavoro; DVR, POS, DUVRI, Progettazione piani per la sicurezza (organizzazione e gestione corsi lavoratori); da Giugno 2011 Editor in Chief di Organizzazione Qualità. .

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo articolo è stato pubblicato martedì 29 maggio 2012 da Gianluca Gaggioli il martedì, maggio 29, 2012 alle 07:00 ed appartiene alla categoria Breaking News Ultim'ora, Misurazione analisi e miglioramento. Puoi seguire i commenti a questo articolo attraverso i feed RSS 2.0. Lascia un commento!

 

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Vai su »