20
Feb
2014

La gestione del rischio, valutazione, predeterminazione e accettabilità

Di Gianluca Gaggioli pubblicato giovedì 20 febbraio 2014 in Misurazione analisi e miglioramento |

 

Quality Standards Logos

Ogni piccola impresa o grande organizzazione si  affaccia sempre al realizzarsi di un possibile rischio su base giornaliera .

In alcuni casi il rischio può essere quasi completamente evitato, ridotto,  ma in altri casi il rischio è inevitabile in una certa misura sarà sempre presente, l’evento infausto non è assolutamente possibile evitarlo al cento per cento.

La gestione del rischio è il processo, l’approccio, la strategia e le tattiche sviluppate, impiegati ed eseguito con lo scopo di minimizzare il rischio, che l’evento sfavorevole si manifesti  per quanto possibile. 

Durante la pianificazione per  la gestione del rischio è importante trovare il punto di equilibrio.

E’  necessario effettuare un’ attentissima analisi tra il costo di evitare / prevenire il rischio, per quanto possibile e la sua gestione nel caso si manifesti.

In alcuni casi, le organizzazioni verificano come minimizzare il rischio fino ad un  livello ritenuto accettabile, tale gestione deve essere sempre  economicamente conveniente, il conto economico per evitare totalmente o ridurre al minimo il rischio per l’organizzazione deve essere attentamente valutato.

L’ eccezione alla regola però non deve  diventare un compromesso quando ci troviamo di fronte alla situazione relativa alla sicurezza e all’alto impatto ambientale. In tal caso dobbiamo investire nel ridurre al minimo il rischio, a zero per  quando possibile o ipotizzabile.

I Project Manager devono saper  prendere decisioni difficili,  valutare il rischio, l’ impatto potenziale e sviluppare strategie e tattiche per gestire il rischio.

La gestione del rischio richiede spesso di prendere per l’organizzazione decisioni difficili e prendere in considerazione tutte le varie alternative possibili e gli scenari di business possibili, al fine di prendere la decisione di business giusta meno onerosa ma rispettosa delle normative vigenti.

Come si fa a pianificare, ed avere una corretta  gestione dei rischi e del loro controllo?

Esiste un processo o un approccio per la gestione del rischio meglio di un altro o che possa andare bene per tutte le organizzazioni?

Ovviamente NO!!!

Produrre processi semplici e gestibili, ecco un modo molto snello ma efficace per la gestione di possibili rischi e sviluppare di seguito un sistema di gestione dei rischi possibilmente efficace ed efficiente.

In primo luogo, analizziamo tutti i possibili vari scenari di business cercando di identificare i rischi possibili per tali scenari.

In secondo luogo, cerchiamo di valutare e rivalutare il rischio e la sua probabilità che si manifesti,  probabilità, naturalmente presente nei progetti, la minaccia potenziale compreso  l’impatto sul business e sulla reputazione dell’organizzazione  nel caso in cui le cose volgano al peggio con il verificarsi dell’evento sfavorevole.

Una volta valutato attentamente  il rischio e le diverse alternative abbiamo bisogno di eseguire un’analisi del cosa facciamo nel caso in cui……, dove cerchiamo di trovare il giusto compromesso tra la minimizzazione del rischio e la propensione ad accettare il rischio come parte del business.

Quando saremo in possesso di tutte le informazioni necessarie toccherà solo a noi prendere  le decisioni più intelligenti al riguardo e  tutte  le possibili alternative che ci accingeremo a perseguire.

Adesso sarà il momento di creare il nostro piano di gestione del rischio.

Il piano di gestione del rischio deve comprendere tutti i processi reattivi, proattivi, preventivi e procedure.

Il sistema deve includere tutte le attività al fine di eseguire la gestione del rischio secondo procedura.

Strumenti, formazione, competenze e persone giuste sono alla base  per qualsiasi sistema di gestione dei rischi. 

Mentre in molti casi è impossibile definire completamente il rischio e quantificare il rischio, nonché il suo impatto potenziale si può certamente sviluppare una valutazione dei rischi e la strategia e i processi per gestire il rischio d’impresa fino ad un grado accettabile di gestione del rischio.

La gestione del rischio è un processo di business o di sistema aziendale organizzato intorno a strategie e tattiche, con  lo scopo di gestire, controllare e ridurre al minimo il rischio per l’organizzazione ad un  livello di rischio accettabile o predeterminato.

 

L'autore: Gianluca Gaggioli

Gianluca Gaggioli: coniugato, con tre figli tutti nati a breve distanza, non si sa come trovi anche il tempo di "dilettarsi" sulle tematiche di qualità e management. Rail Strategist - Rail Fire Fighting - da oltre quindici anni lavora nel ambito ferroviario e medicale nel ruolo di "Assicurazione Qualità e dei Sistemi per la Gestione della Qualità". Competenze specifiche: Gestione della Qualità Secondo le Normative EN ISO 9001, EN ISO 14001, BS 18001, COCS 30.5/DT Trenitalia, Schemes Entities in Charge of Maintenance (ECM), ISO 31000, SGSL, OT24, MOG, EN ISO 13485, IRIS (International Railway Industry Standard), Six Sigma, Kaizen, Auditor Sistemi Qualità Certificato 19011 1a / 2a Parte (Audit interni e fornitori) e Abilitazione Formatore RSPP ASPP, dal 2008 attività di consulenza aziendale in materia di Sicurezza sul Lavoro; DVR, POS, DUVRI, Progettazione piani per la sicurezza (organizzazione e gestione corsi lavoratori); da Giugno 2011 Editor in Chief di Organizzazione Qualità. .

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
photo by: Whiter Image
Questo articolo è stato pubblicato giovedì 20 febbraio 2014 da Gianluca Gaggioli il giovedì, febbraio 20, 2014 alle 08:20 ed appartiene alla categoria Misurazione analisi e miglioramento. Puoi seguire i commenti a questo articolo attraverso i feed RSS 2.0. Lascia un commento!

 

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Vai su »